Sabato 19 ottobre 2019, ore 20:45

MISERIA E NOBILTÀ

di Eduardo Scarpetta

Nuova Compagnia Teatrale

Regia di Enzo Rapisarda

Commedia brillante

Lo scrivano Felice e il fotografo ambulante Pasquale, ridotti in miseria, sono convinti dal marchesino Eugenio a fingersi suoi aristocratici parenti per aiutarlo a chiedere la mano della bella Gemma, figlia di un ex cuoco arricchito. La messinscena - resa necessaria perché il padre di Eugenio si oppone al matrimonio - è causa di equivoci, litigi e colpi di scena a ripetizione, fronteggiati con destrezza dai sedicenti “nobiluomini”. Accade di tutto e nella confusione generale, Felice può persino intravedere la serenità familiare ed un futuro con pasti assicurati. La squinternata compagnia farà del suo meglio ma tra numerosi colpi di scena lo smascheramento è in agguato. “Miseria e nobiltà” è uno dei titoli più famosi della drammaturgia universale di tutti i tempi. L’allestimento della Nuova Compagnia Teatrale, con la regia di Enzo Rapisarda, è stato portato in scena con grande successo nei maggiori teatri italiani. In tournée dal 2006, continua ad essere una delle opere più richieste ed apprezzate di Eduardo Scarpetta, oltre ad essere stato il cavallo di battaglia dei più grandi attori del secolo scorso.

Sabato 16 novembre 2019, ore 20:45

LA LOCANDA DELLE BEFFE.

EL GALO DELA CHECA

di Arnaldo Boscolo

Theama Teatro

Regia di Piergiorgio Piccoli, Aristide Genovese, Anna Zago

Commedia brillante in lingua veneta

Marco Cerisiola è il proprietario della trattoria “Al Galo” e della Locanda de la “Checa”. Corpulento e rozzo, incurante della propria goffaggine, si atteggia a grande conquistatore di donne con tutte le frequentatrici della propria trattoria, rivolgendo una particolare attenzione alla signora Serena e alla signora Pierina. Le due amiche, scoperto il comportamento del proprietario, decidono di rendergli pan per focaccia e, al ritorno dalla villeggiatura, organizzano una beffa ai suoi danni con la complicità della “mitica” signora Bice. Non tutto andrà per il verso giusto, anche perché nella vicenda entreranno a far parte della trama il colonnello Sanson - marito di Serena - ed il cavalier Zancan, coinvolto suo malgrado dopo aver ingerito il miracoloso triturato di carapace di Calabria, dalle potenti facoltà afrodisiache. Tra equivoci, inganni e colpi di scena lo spettacolo arriverà ad una conclusione liberatoria, nella quale tutti i personaggi troveranno la loro soddisfazione e Marco Cerisiola la sua giusta punizione. Theama Teatro, in questo allestimento, ha voluto unire l’ormai consolidata esperienza dello storico gruppo attoriale alla freschezza di giovani e talentuosi attori.

Sabato 14 dicembre 2019, ore 20:45

BEATLES TODAY!

Green Orchestra

Direttore: M° Ettore Martin

Concerto musicale

Il sogno di ogni musicista è di cambiare il mondo con la propria musica. Per quasi tutti resta un sogno. I Beatles, invece, ci riuscirono. Dopo di loro l’universo degli adulti dovette per forza fare i conti con un mondo giovanile in subbuglio, che con decisione voleva far sentire le proprie ragioni sulla guerra, la sessualità̀, le disuguaglianze. Come tutti i grandi artisti, i Beatles seppero cogliere in anticipo - rispetto al proprio tempo - i sogni, i fermenti, i desideri di un’intera generazione, trasferendoli nei propri brani che divennero così la colonna sonora delle vite di migliaia di giovani. Tante di queste canzoni non hanno bisogno di presentazioni, perché sono entrate nella storia della musica e - molto spesso - le idee musicali su cui sono costruite hanno la forza irresistibile della semplicità̀. Il concerto non sarà un semplice tributo ma un viaggio nell'immortale repertorio dei Beatles, rivisitato dalla Green Orchestra con arrangiamenti originali e la direzione del maestro Ettore Martin. I Fab Four sono stati così “elegantemente vestiti” da un grande organico senza perdere l’immediatezza e l’efficacia della loro anima pop.

Sabato 18 gennaio 2020, ore 20:45

THAT'S AMORE. UNA CASA CON AMORE

di Marco Cavallaro

con Marco Cavallaro, Claudia Ferri, Marco Maria Della Vecchia 

Commedia musicale

Marco Cavallaro arriva al Teatro Gioia di Caldogno con il suo più grande successo che, da nord a sud, ha divertito il pubblico di tutta Italia. Sul palco un rapporto d’amore ancora tutto da inventare, inatteso e fresco, che nasce dove e quando meno te l’aspetti, che prima disorienta e poi travolge. Una favola moderna non semplicemente sull’amore ma sul precariato, sulle nuove tecnologie e sul bisogno di sentimento per affrontare e condire la vita.

Lui e Lei non si conoscono. Lui è stato lasciato dalla fidanzata. Lei molla il fidanzato. Lui e Lei si ritrovano senza casa. Lei e Lui affittano, per uno strano scherzo del destino, lo stesso appartamento. Lui e Lei sono costretti a passare un intero week end insieme ma Lei odia tutti i “Lui” e Lui odia tutte le “Lei”. I problemi iniziano quando arriva “L’altro”. In un vorticoso susseguirsi di situazioni nasce una divertente storia d’amore condita da dolci e romantiche canzoni. Una favola moderna sul bisogno di amarsi per affrontare la vita. Una piacevolissima commedia musicale “da camera”.

Sabato 15 febbraio 2020, ore 20:45

IMPOSIBILE NAR D'ACORDO

di Loredana Cont

Piovene Teatro

Regia di Franco Fabrello

Commedia brillante in lingua veneta

La vita del condominio Armonia è una continua lite. La signora Carmela è la persona più litigiosa, anche se tutti i condomini hanno qualcosa contro i vicini. L’amministratore e il vigile, spesso chiamati a dirimere le questioni, sono esasperati e sperano possa succedere qualcosa che metta fine a questi atteggiamenti rancorosi. Carmela finisce all’ospedale, soccorsa dai vicini che per un attimo mettono da parte odio e recriminazioni, ma questo non basta per ammorbidire gli animi. E allora chi, o cosa, potrà far cambiare atteggiamento a questi personaggi litigiosi? O forse bisognerà rassegnarsi al fatto che nei condomini è proprio impossibile andare d’accordo? Lo spettacolo, scritto da Loredana Cont che è l’autrice di teatro più rappresentata in Trentino e Veneto, ha ottenuto numerosi premi dalla critica e dal pubblico. Tra le sue commedie più conosciute e di successo troviamo: “L’oselo del marescialo”, “L’eredità della pora Sunta” e “A non saverla giusta”. Testi ironici e divertenti in cui lo spettatore ritrova vizi e virtù della quotidianità e di un recente passato.

Sabato 21 marzo 2020, ore 20:45

SUPER GINGER!

di Anna De Franceschi

Stivalaccio Teatro

Regia di Duodorant

Spettacolo di clownerie

Lo spettacolo ripercorre le peripezie di un’eroina dei nostri giorni che, tra musiche e numeri di clownerie, dimostra di non volersi arrendere alle logiche contemporanee. Un clown che non si rivolge ai bambini, come vorrebbe la tradizione, ma a tutti gli adulti che possono vivere l’emozione che nasce in scena. Super Ginger è un’acclamata artista da varietà, fuoriclasse dell’intrattenimento. Così padrona del proprio palco, così indifesa lontana da esso, in quella vita privata che normalmente si cela allo sguardo dello spettatore. Un viaggio fra scena e realtà, raccontato dalle emozioni di una clown a tempo pieno, che apre la porta del suo cuore, permettendo di accedere a quei momenti di rilassatezza e solitudine che ognuno di noi vive quotidianamente. Niente fiorellini, organetti o palloncini. Pura vitalità esplosiva, carica emotiva e spregiudicatezza: sono questi gli elementi alla base di un lavoro che - nello stile ormai consolidato di Stivalaccio Teatro - pesca a piene mani dalla grande tradizione dello spettacolo popolare, rileggendola in chiave contemporanea e con un sempre efficace coinvolgimento del pubblico.

Domenica 19 aprile 2020, ore 20:45

MORTA ZIA, LA CASA È MIA

di Gianni Quinto, da un'idea di Alessandro Tirocchi e Maurizio Paniconi

con Daniele Derogatis, Valeria Monetti, Maurizio Paniconi,

Alessandro Tirocchi

Regia di Marco Simeoli

Commedia brillante

Quattro nipoti, una cassa da morto e tante risate. Dopo il grande successo de “La Storia d’Itaglia”, arrivano a Caldogno Daniele Derogatis, Valeria Monetti, Maurizio Paniconi e Alessandro Tirocchi con “Morta zia, la casa è mia”. Quando zia Olga viene a mancare, alla tenera età di 95 anni, i quattro nipoti si riuniscono nella sua casa: organizzare il funerale sarà in realtà un modo per capire come mettere le mani sul suo patrimonio. Non si conosce fino in fondo qualcuno finché non bisogna dividersi un’eredità: in un crescendo di equivoci, vecchi rancori e conflitti familiari la storia si svilupperà in maniera ironica e a tratti cinica. Lo spettacolo sdrammatizza ed esorcizza la morte mettendo in luce quanto, in epoche di crisi, un’eredità sia in grado di risolvere molti problemi. Vecchi rancori, conflitti familiari e strampalati equivoci vengono raccontati in un susseguirsi di inaspettate situazioni con improvvisi cambi di tono, riflessioni grottesche sulla morte, richiami alle difficoltà dei nostri giorni e alla precarietà che attanaglia i giovani con qualche arguto ed intelligente riferimento a famosi film sul tema.

 Teatro Gioia

Via Torino, 6 - 36030 Caldogno (VI)

Tel. 340/0572206

Mail: teatrogioiacaldogno@gmail.com